Creare un account Google Analytics e collegarlo a WordPress

Che cos’è Google Analytics

Google Analytics è un servizio gratuito che Google mette a disposizione degli utenti per monitorare il traffico del proprio sito. Analytics mostra le statistiche e i dati relativi agli accessi degli utenti nel tuo sito internet.

Creare un account su Analytics, aggiungere un sito, ottenere il codice di monitoraggio e collegarlo a WordPress sono passaggi fondamentali per iniziare a raccogliere dati statistici, conoscere meglio i tuoi lettori e capire cosa funziona bene del tuo sito e cosa può essere migliorato.

Come creare un account Google Analytics

Per prima cosa devi essere in possesso di un account Google (una gmail, ce l’hai vero?).
Vai su Google Analytics e clicca su Accedi.

Schermata di accesso a Google Analytics

A questo punto inserisci la tua gmail e la password e accederai alla pagina di registrazione dove sono illustrati gli step per collegare un sito al monitoraggio: registrati ad Analytics, aggiungi il codice di monitoraggio al tuo sito, visualizza le prime statistiche.

Pagina di registrazione su Google Analytics

Clicca su Registrazione e procedi. Dovrai compilare un modulo di registrazione per il nuovo account.

Modulo di registrazione a Google Analytics

Seleziona sito web, assegna un nome al tuo account (ad ogni account potrai collegare fino a 100 proprietà), inserisci il nome del sito da monitorare e l’url della homepage. Seleziona quindi il settore di appartenenza del tuo sito e imposta il corretto fuso orario (Italia (GMT+02:00) Roma).

Clicca quindi su Ottieni l’ID di monitoraggio. Si aprirà una finestra con i termini di servizio di Google Analytics. Seleziona quelli corrispondenti all’Italia e clicca su Accetto. Otterrai così il tuo codice di monitoraggio, un codice composto da due lettere iniziali (solitamente UA) e una serie di cifre:

Codice di monitoraggio Google Analytics

Come collegare Google Analytics al tuo sito WordPress

Ci sono diversi modi per collegare il tuo account Analytics al sito WordPress. La tua scelta potrà dipendere dalla tua confidenza col codice e anche dal tema che hai installato. Infatti, mentre alcuni temi hanno nel loro pannello un campo per inserire facilmente il codice di monitoraggio, altri non hanno questa funzione e dovrai scegliere se mettere un po’ mano al codice o installare un plugin.

 

Collegare Google Analytics a WordPress senza plugin

Se il tuo tema ha un campo per l’inserimento dello script (tutto il codice che trovi nella finestra Monitoraggio del sito web) o del semplice codice ID Analytics (UA-xxxxxxxx-x), non avrai bisogno di alcun plugin e il collegamento sarà molto semplice.

Nel caso in cui il tuo tema non preveda questa integrazione, puoi comunque effettuare il collegamento senza l’uso di plugin.

Per prima cosa, esegui un backup completo del tuo sito!

Quindi attraverso un client FTP o dalla dashboard del tuo sito (Aspetto -> Editor) apri il file header.php del tuo child theme.
Se non è presente, copia il file header.php del tema genitore e incollalo nella cartella del tema figlio.
Ora copia da Google Analytics tutto lo script che si trova nella finestra Monitoraggio del sito web e incollalo in header.php subito prima del tag </head>. Aggiorna il file o caricalo via FTP nella cartella del tuo tema child.

Collegandoti alla tua proprietà Google Analytics potrai vedere il monitoraggio in tempo reale e dal giorno successivo le statistiche di visita.

Per accertarti di aver inserito correttamente il codice puoi anche andare su una pagina del tuo sito, cliccare con il tasto destro del mouse e scegliere Visualizza codice sorgente. Nella sezione <head> dovresti trovare i riferimenti a Google Analytics.

Anonimizzare gli indirizzi IP Google Analytics

Per rispetto delle norme sulla privacy ed in particolare per la Cookie Law, un ulteriore passaggio che devi fare è l’anonimizzazione di tutti gli indirizzi IP dei tuoi utenti. La procedura è molto semplice: aggiungi immediatamente sotto alla riga “ga(‘create’, ‘UA-xxxxxxxx-x’, ‘auto’);” del tuo codice di monitoraggio questa stringa: ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);

Otterrai un codice simile a questo, dove ovviamente al posto del testo in rosso dovrà esserci il tuo ID di monitoraggio:

<script>
  (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){
  (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o),
  m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m)
  })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga');

  ga('create', 'UA-xxxxxxxx-x', 'auto');
  ga('set', 'anonymizeIp', true);
  ga('send', 'pageview');
</script>

Collegare Google Analytics a WordPress con un plugin

Esistono molti plugin che permettono di collegare WordPress a Google Analytics. Se non te la senti di maneggiare il codice, questa è la soluzione che fa per te.
Il plugin che ti consiglio è Google Analytics for WordPress by MonsterInsights (precedentemente Google Analytics by Yoast), affidabile e semplice da configurare. Installa il plugin, cerca la voce Insight nel menu del tuo backend e scegli se inserire manualmente l’ID di monitoraggio o se collegarti automaticamente al tuo account Google. Nel secondo caso, le statistiche ti saranno mostrate direttamente nel pannello di amministrazione del tuo sito.

Al termine della configuarazione non scordarti di anonimizzare gli IP degli utenti spuntanto l’opzione in Tracking -> Anonymize IP addresses, per essere in regola con la Cookie Law.

 

Ljuba Daviè on Google
Ljuba Daviè
Ljuba Daviè
Ciao, mi chiamo Ljuba e sono una freelance: realizzo siti internet ed e-commerce e mi occupo della gestione professionale dei Social Network.